L’idea alla base del nostro progetto è quella di realizzare una produzione di vitigni internazionali
di altissima qualità in un territorio estremamente vocato per la viticoltura.
I Vigneti
In tempi recenti, da una idea romantica ispirata alla valorizzazione di queste terre,
nasce il progetto enologico Tenuta Villa Rovere
Una piccola vigna per raccontare la storia
di famiglia, utilizzando uve internazionali,
per la produzione di vini distinti,
sapidi, freschi e leggeri grazie alle
caratteristiche di questo terroir.
Proprio in Via delle Vigne, con i primi 3 ettari
di impianti nel 2004 con uve a bacca rossa,
quali Cabernet Sauvignon, Merlot e Shiraz, e
con ulteriori 4 ettari impiantati a Sauvignon
Blanc, inizia il progetto Tenuta Villa Rovere.
Un clos naturale racchiuso tra il fiume
Montone e il Canale dei Mulini, su terreni
franco limosi, ricchi di sabbie, ghiaia e
silicio. Una scelta controcorrente, quella dei
vitigni internazionali, dettata dalle
caratteristiche pedo climatiche di quell’area
e dallo spirito di innovazione, tratto
distintivo della famigilia Giulianini.
Si sviluppa una vigna moderna, allevata a Cordone Speronato per i Rossi e a Guyot per i Bianchi, con una densità di 4.500
ceppi per ettaro, perfettamente orientata Nord/Sud.
Un laghetto sito al centro della vigna consente di mantenere una spiccata biodiversità, e le viti beneficiano di un
clima sub-continentale e di una leggera influenza del mare Adriatico che dista solo 30 km a nord/est.